Pandino Artedonna

II edizione dal 6 al 15 Marzo 2009

Artedonna 2009

 Comune di Pandino, in collaborazione con la Biblioteca, promuove la rassegna “Pandino Artedonna 2009”, che si terrà dal 6 al 15 marzo nella Sala degli Affreschi del Castello Visconteo, per valorizzare la creatività femminile nelle arti plastiche. La rassegna è giunta alla seconda edizione, dato il grande successo di critica e pubblico suscitato l’anno scorso. Fra l’altro, venerdì 6 marzo alle ore 21, presso la medesima Sala, dopo il saluto del sindaco, Donato Dolini, e delle autorità pandinesi, si terrà la conferenza “Donne nell’arte” di Simone Fappanni, in cui verranno presentate le artiste espositrici e verrà offerta una prolusione riguardante le molteplici interpretazioni dell’universo fem-minile proposte dai grandi maestri della storia dell’arte. Nel corso della serata si terrà anche un recital poetico, che vedrà protagoniste, fra l’altro, l’attrice Patrizia Sacchelli, e vi sarà un altrettanto interessante momento musicale, sempre in omaggio alle donne. Il chitarrista Simone Bellucci, docente presso l’Istituto musicale “Folcioni” di Crema e all’Istituto musicale “Claudio Monteverdi” di Cremona, accompagnerà il noto soprano Enrica Fabbri, già apprezzata al pubblico locale per avere partecipato a una memorabile esecuzione del Requiem di Mozart, in un intenso programma. A tutte le donne presenti verrà fatto dono di una poesia avvolta in uno speciale rotolo pergamenato. La rassegna di pittura vede protagoniste pittrici provenienti da diverse province. Così vengono presentate da Simone Fappanni. «Antonella Giapponesi Tarrenghi, residente nel bresciano ma originaria di Soresina, propone figure estremamente seducenti e cariche di fascino, Maria Puggioni di Osilo è un’artista poliedrica, che in questo caso propone brillanti composizioni floreali, Vitaliana Bonazza di Robecco d’Oglio esegue, oltre a composizioni paesaggistiche, anche ottime copie d’autore, come quelle proposte in questa rassegna, omaggio a Tamara de Lempicka. La mantovana Cristina Simeo-ni di Piubega è artefice di tele d’intonazione soffusamente onirco-metafisiche, in cui la luce svolge un ruolo determinante, Liana Morgese di Brescia è una raffinata acquerellista dotata di cromie morbidamente pastellate che confluiscono in un puro, originalissimo astrattismo. La giovanissima Ales-sia Gatti di Orzinuovi, figlia del maestro Uber, palesa un talento rarissimo, fatto di inventiva e creatività; a cremonese Mirella Valenti possiede una coloristica densa ed efficace, mentre la sua concittadina Marinella Ferrero è in grado di misurarsi abilmente con misure prospettiche palpitanti. Della città del Torrazzo è pure Dania Agosti, grafica e pittrice nelle cui opere spicca una cifra meta-narrativa molto vivace e corale, e Anna Bolognesi, vincitrice di un’edizione del Premio “Pandino Mon Amour”: colorista superlative nella scelta dei toni e delle figure, notevolmente seducenti.. Brillante acquerellista è la parmigiana Artemisia Bolsi di Collecchio, che con tocchi sicure definisce fiori e scorci unici nella leggerezza di colori delicatamente trasparenti. La piacentina Francesca Cassinari è autrice di volti delicati e seducenti, come quelli in cui spicca una intensa vena memoria-lista.L’infaticabile Antonella Agnello, nella duplice veste di espositrice e di coordinatrice organiz-zativa, propone due cascate che fluiscono in un simbolismo estremamente avvolgente, dove materia e
 forma diventano una sorta di unione indissolubile». Questi gli orari di apertura della collettiva: sa-bato 7 marzo dalle ore 16.00 alle 18.00, domenica 8 marzo dalle 15.00 alle 18.00, venerdì 13 marzo dalle 16.00 alle 18.00, sabato 14 marzo dalle 16.00 alle 18.00 e domenica 15 Marzo dalle 15.00 alle 18.00; ingresso libero.

gli artisti

.